@diemme71

Daniele Morandi @diemme71

Mayor's chief of staff. Graphic designer, journalist, track and field coach. I Love wine, design, music, track and field and rugby.

Leo Urbach venne caricato su un convoglio per Auschwitz insieme a sua moglie Alice e ai figli Kurt di 5 anni e Liliana di 16 mesi. 
Lui si salvò, la moglie e i figli vennero mandati alla camera a gas.
Ora a Bagni di Lucca, dove nacque, dal 1999 c’è un parco dedicato alla bimba Liliana.

A Castellarano fino al 3 febbraio la mostra “Binario 21” 
Tra il mese di dicembre del 1943 e il mese di gennaio del 1945 partirono dal cosiddetto “Binario 21” della Stazione Centrale di Milano 23 convogli diretti ai campi di concentramento di Auschwitz, di Bergen-Belsen, di Ravensbrück e di Flossenbürg. I deportati erano principalmente ebrei, prigionieri politici, partigiani e lavoratori antifascisti.

A Castellarano, grazie all’Amministrazione comunale e all’Associazione Amici della Shoah, una mostra racconta la storia di quel maledetto binario 21. 
#giornodellamemoria #associazioneamicidellashoah #comunedicastellarano #shoah #olocausto #castellarano
@diemme71

Leo Urbach venne caricato su un convoglio per Auschwitz insieme a sua moglie Alice e ai figli Kurt di 5 anni e Liliana di 16 mesi. Lui si salvò, la moglie e i figli vennero mandati alla camera a gas. Ora a Bagni di Lucca, dove nacque, dal 1999 c’è un parco dedicato alla bimba Liliana. A Castellarano fino al 3 febbraio la mostra “Binario 21” Tra il mese di dicembre del 1943 e il mese di gennaio del 1945 partirono dal cosiddetto “Binario 21” della Stazione Centrale di Milano 23 convogli diretti ai campi di concentramento di Auschwitz, di Bergen-Belsen, di Ravensbrück e di Flossenbürg. I deportati erano principalmente ebrei, prigionieri politici, partigiani e lavoratori antifascisti. A Castellarano, grazie all’Amministrazione comunale e all’Associazione Amici della Shoah, una mostra racconta la storia di quel maledetto binario 21. #giornodellamemoria #associazioneamicidellashoah #comunedicastellarano #shoah #olocausto #castellarano

Next